CITAZIONI PRATICHE. FORNASETTI A PALAZZO ALTEMPS

PALAZZO ALTEMPS

Gennaio 2018

In occasione della celebrazione del ventennale dell’apertura al pubblico, il Museo di Palazzo Altemps ospita la mostra Citazioni pratiche. Fornasetti a Palazzo Altemps.

Un percorso storico strutturato, ricco, evocativo che s’interfaccia con i numerosi oggetti e le decorazioni d’interni di uno dei talenti più estrosi e prolifici del ‘900, Pietro Fornasetti e con le creazioni del figlio Barnaba, anch’egli eclettico indagatore della vita quotidiana oltre che custode dell’eredità del padre. È tutta da scoprire la mostra “Citazioni Pratiche, Fornasetti a Palazzo Altemps”, che celebrerà, oltretutto, il ventennale dell’apertura al pubblico del Museo del palazzo romano. 

Molto interessante e spesso irriverente è il contrasto tra la collezione permanente di arte antica del Museo Nazionale Romano ospitata da Palazzo Altemps, con i suoi spazi classici – dal cortile al teatro sino alle stanze affrescate -  e l’arte di Fornasetti che si palesa con oltre 800 pezzi originali, a testimonianza della capacità quasi magica dell’artista di conferire alla sua fantasia una forma sempre nuova. 

La collezione di sculture e gli spazi di Palazzo Altemps - cortile, stanze affrescate, teatro - si confrontano con le ventisette incursioni artistiche realizzate da oltre ottocento pezzi di Fornasetti. Di sala in sala i temi del classico, delle rovine e delle antichità, rimandano a uno scambio a tratti spiazzante e irriverente, colto e sapiente, tra la collezione permanente di arte antica del Museo e le creazioni nate dall’immaginazione sfrenata e dall’invenzione surrealista di Fornasetti.

Si parte all’aperto, dal cortile, per poi scoprire le altre sale, dove le opere intramontabili dei Fornasetti si alternano e s’integrano alle decorazioni rinascimentali e ai capolavori scultorei dell’antichità. Esempi? La colonia di gatti in ceramica pigramente accovacciata sui resti di antiche mura o il gruppo scultoreo del “Galata Suicida” calato in un set cinematografico….L’Atelier Fornasetti propone i suoi immaginifici e surreali accessori, arredi e disegni dagli anni Trenta sino a oggi rappresentando appieno, ancora una volta, ciò che affermò il fondatore: “un invito alla fantasia, a pensare”. Infine, interessanti e profondamente legati al significato profondo della mostra, sono il rinnovato bookshop del Museo e la Guida all’esposizione edita da Electa. 

Prenotazione via mail aart-club@art-club.it